A prima si truvò…

0 448
I Spiddi passavano jorna a turturari genti ca putia sapiri unni era ammucciata Filumena! Mancu Ruggero ‘nsemmula a so patri, ca, cu un esercitu di centu surdati, cirnevanu tuttu lu boscu, pottiru truvari traccia di Filumena e di li so suruzzi.
Contrariamente foru chiu furtunati lu re e lu principe di Costapunenti, ca mentri caminavanu cantu cantu un vadduni,vittiru li stampi di li pedi  di un cavaddu, ca li purtò finu a truvari Nevaristo: u cavaddu supersiste!
Iddu era fermu ‘ntamato ca paria
fattu di cira ,e quannu lu principe s’avvicinò ,vitti Filumena aggiuccata ‘nterra ca pareva morta. Lu principe spustò u cavaddu pi putirisi avvicinari a Filumena ca avia la facci cummigghiata di li so stessi capiddi. Lu principe cu la manu ci spustò u ciuffu ca ci cummigghiava l’occhi ma idda l’agghiacciò cu na taliata ca parsi na saitta quannu c’è tempesta.
‘Chi successi Filumena? Lu principe addumanno’ , ma idda arristannu muta calò l’occhi ‘nterra.
Lu principe alluccutu chiamò u patri e l’esercito, ma nuddu si pirsuase di chiddu chi potti succediri.
Accusì Filumena, Nevaristo, lu principe lu re e l’esercito pigghiaru la strata pi turnari a lu casteddu di Costapunenti e mannaru na palumba a lu casteddu  di Supramunti pi cumunicari a lu Baruni ca Filumena era viva.
TRADUZIONE
Gli Spiddi passavano giorni torturando le persone che potevano sapere dove fosse nascosa Filumena.
Nemmeno Ruggero insieme al padre, che, con un esercito di cento soldati, setacciarono tutto il bosco, trovarono traccia di Filumena e delle sue sorelline.
Contrariamente ebbero più  fortuna il principe ed il re di Costapunenti che, mentre costeggiavano un torrente, videro le impronte degli zoccoli di un cavallo, che li portò al ritrovamento di Nevaristo: il cavallo superstite!
Lui era fermo immobile, sembrava fatto di cera e quando il principe si avvicinò, vide Filumena accovacciata per terra che sembrava morta. Il principe spostò il cavallo per potersi avvicinare a Filumena che aveva il viso coperto dai suoi stessi capelli. Lui con la mano spostò il lungo ciuffo che gli copriva gli occhi, ma lei lo fulminò con uno sguardo che sembrò un fulmine durante una tempesta.
‘Cosa è  successo Filumena?’ chiese il principe,ma lei rimase muta, abbassando lo sguardo.
Il principe sconvolto chiamò il padre e l’esercito, ma nessuno fu in grado di capire cosa fosse accaduto.
Così Filumena, Nevaristo, il principe, il re e l’esercito ripresero la strada per tornare al castello di Costaponente e mandarono una colomba al Castello di Supramunti per comunicare al barone che Filumena era viva.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.