TUTTI CERCANU A IDDA

0 1.277
I setti cavaleri parteru di lu regnu di Costalivanti e passaru ciumi, timpuna di crita sicca, vadduna virdiggianti, muntagni annivate chi ‘ghiccavanu focu. A boni cunti si scuntraru cu bon tempu e malu tempu, furturati di tutti i maneri e armali sarbaggi di tutti i tipi.
La genti accuminciò a chiamarli i ‘Spiddi ‘ picchi s’arricampavano a spinsirata ‘nta li masserii e ‘nta li burgati chi incuntravanu ‘nta lu caminu. Iddi arrubavanu e ammazzavanu tutti i mischineddi chi circavanu d’addifinnirisi.
‘Nta stu mentri  Ruggero juntu a lu casteddu di Costapunenti, ‘nsemmula a lu re e a lu principe di Costapunenti,  parteru cu un esercitu di milli surdati pi circari la bedda Filumena.
Lu baruni Sopramunti spirimenta si sminuzzare l’esercitu a chiurmi di centu suldati cu l’incarricu di ammazzari ogni testa di moru ca avissiru ‘ncuntratu pi la via.
Ma dunni eru a finiri Filumena e li tri gemelle?
Filumena avia passatu quattro jorna ‘ngruppa  a Nevaristu ca appagnatu curria voschi voschi, circannu li tri gemelle. Gridava Filumena li nomi di li so suruzzi ,ma pi risposta si sintia sulu l’eco di la so vuci.
Stanca morta si firmo’ vicinu un vadduni p’arrifriscarisi anticchia li carni stanchi. Pi quarchi ura potti  stari tranquilla, tantu ca si misi a puliziari lu cavaddu Nevaristu ancora lordu di sangu…
A stu puntu si curcaru ,unu a ciancu  all’autru e s’addummisceru a sonnu chinu…
******
I sette cavalieri partirono dal regno di Costalivanti, attraversando fiumi, colline di creta arida, torrenti verdeggianti e montagne innevate che sputavano fuoco. Si imbatterono con ogni tipo di clima, tempeste di ogni genere e animali selvatici di tutte le specie.
La gente cominciò  a chiamarli  i ‘Spiddi ‘(spiriti) perché apparivano all’improvviso nelle masserie e nelle borgate che incontravano sul loro cammino. Loro saccheggiavano tutti i villaggi uccidendo tutti i poveri indifesi che cercavano di difendersi.
Nel frattempo Ruggero giunto al castello di Costapunenti, insieme al re ed al principe,  partirono con un esercito di mille soldati alla ricerca della bella Filumena.
Il barone Sopramunti decise di dividere l’esercito a gruppi di cento con l’incarico di uccidere ogni testa di moru che avrebbero incontrato nel loro cammino.
Ma dove erano finite Filumena e le tre gemelle?
Filumena aveva  trascorso  quattro giorni in groppa a Nevaristu che, imbizzarrito, correva per i boschi cercando le tre gemelle. Filumena strillava i nomi delle sue sorelline, ma l’unica risposta era l’eco della sua stessa voce.
Stanca morta si fermò vicino un ruscello per rinfrescarsi un pò le stanche membra. Così per qualche ora riuscì a stare tranquilla, tanto che si mise a pulire Nevaristu ancora sporco di sangue…
A questo punto caddero in un sonno profondo uno accanto all’altro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.