Lu Re curnutu

di Matilde Caruso

0 961
La nutizia di l’attaccu a la carrozza, di  la morti  di la Signura di San Cipirreddu e di la scumparsa di li figghi di lu Baruni di Supramunti, arrivò ‘nta l’aricchi di lu Re Sancisuca. Tutti i Re di lu regnu di Costalivanti pigghiavano sta ‘nciuria, picchi ci sucavanu lu sangu a lu populu, infatti lassavanu la genti mischiniedda diuna e morta di fami. Sancisuca tutti li jorna organizzava fistini e manciati ‘nta li saluna di lu casteddu. Si biveva e si manciava lu beni di Dio.
Li ‘mmitati eranu tutti nobili e lu re cu iddi  jucava e carti, biveva elisir prigiati e abballava cu li signuri. Fimmini superbamenti siliziunati pi biddizza e qualità particulari ca spissu e vulinteri si curcavanu cu lu Re.
Tutto chistu era accunsintutu  puru di la Rigina, fimmina casta e divota a Dio, ca stava sempri chiusa ‘nta lu so appartamentu ‘nsemmula a un monacu nivuro.
Idda era assai sfuttuta di tutti i  nobili picchì nun ci piacia stari ‘nta li fistini ‘menzu a tutti li viziusi e sfacinnati.
Un bellu jornu la Rigina parturiu un nutricu, ma nasciu cu la peddi nivura, E lu Re lu fici subitu spiriri. Dopu scannò u monacu nivuru, sfrigiò a facci di la regina cu l’ogghiu cavuru e poi la ‘nchiuiu dintra a turri di lu castellu. A tuttu lu populu ci dissi ca lu figghiu tanto addisiatu nasciu mortu e la rigina pi lu dispiaciri cariu malata di nervi.
Ora nun avennu eredi ligittimi a la morti di lu Re, lu regnu passava ‘nta li manu di la famigghia di Costapunenti, ca cu lu matrimoniu di lu figghiu cu la figghia di lu Baruni di Supramunti, savissi allargatu finu a li muntagni.
La nutizia di la scumparsa di Filumena fu un momentu di gioia pi lu Re Sancisuca ca pi la cuntitizza mannò setti cavaleri a la ricerca di la picciuttedda pi farla spiriri.
********* traduzione*********
La notizia dell’attacco alla carrozza, della morte della Signura di San Cipirreddu e della scomparsa delle figlie del Barune di Sopramunti si diffuse ovunque arrivando anche  alle orecchie del Re Arido. Tutti i re del regno di Costalevanti prendevano questo nome perché, oltre a regnare in un territorio desertico, non erano mai stati generosi con il popolo. Beh, lasciavano la gente, che viveva al di là del castello senza nulla, in totale povertà.
Arido era solito organizzare meravigliose feste nei suoi maestosi salotti. Lì si beveva e mangiava di tutto e di più. Gli invitati erano nobili con cui il re giocava a carte, beveva elisir pregiati e ballava con le dame. Donne superbamente selezionate di bellezza fuori misura e ‘qualità’ artistiche insolite con cui il Re era solito passare la notte.
Tutto ciò era permesso dalla regina, donna casta e devota a Dio che inizialmente viveva nelle sue stanze con un eunuco nano nero.
Era molto derisa a corte perché non amava quello sfarzo e quella gente che si dava delle arie insolite e perdeva il loro tempo nell’ozio.
La regina diede alle luce un unico figlio maschio dalla pelle scura, che ovviamente il re fece sparire, rinchiudendolo in un convento. Dopo tale evento il re sgozzo il finto eunuco, sfregio il viso delle regina con l’olio bollente e la rinchiuse nella torre est del castello, raccontando al popolo che il figlio, tanto desiderato dai due, era nato morto e che la regina era caduta in una forte depressione e aveva deciso di isolarsi.
Non avendo eredi legittimi il regno dopo la morte del Re sarebbe dovuto cadere e finire nelle mani del regno di Costapunenti che, con il matrimonio del figlio con la figlia del Barone di Sopramunti, si sarebbe addirittura esteso sino alle montagne del Nord. La notizia della scomparsa di Filumena fu un momento di gioia per il Re che per la contentezza mandò i suoi valorosi cavalieri alla ricerca della fanciulla in territorio nemico, con lo scopo di rapirla.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.