Un’abbronzatura perfetta e sana?

di Dott.ssa Maristella Ippolito

L’estate è arrivata: prime giornate in spiaggia, pomeriggi in piscina  e un’immancabile voglia di abbronzarsi. In effetti una pelle abbronzata ha sempre un aspetto più sano eseducente.

0 440

L’estate è arrivata: prime giornate in spiaggia, pomeriggi in piscina  e un’immancabile voglia di abbronzarsi. In effetti una pelle abbronzata ha sempre un aspetto più sano eseducente. Una splendida abbronzatura può valorizzare la propria naturale bellezza. Tuttavia non bisogna dimenticare le buone norme da seguire per  avere una tintarella bella,duratura , ma soprattutto sana.

Meglio dirlo subito: il sole fa bene se preso nelle giuste quantità. Infatti accelera la produzione di endorfine e migliora l’umore, regolarizza il ricambio cellulare, agisce positivamente sul sistema immunitario e favorisce la sintesi della vitamina D. Non tutti però sanno che il sole è anche il principale responsabile dell’invecchiamento della pelle. Nel momento in cui ci esponiamo al sole la nostra pelle innesca dei meccanismi di difesa. I raggi UV attivano un pigmento, la melanina, in grado sia di schermare le radiazioni  sia di reagire con i radicali liberi (ROS specie reattive dell’ossigeno, detti anche ossidanti) molto pericolosi per le cellule. La dislocazione della melanina, negli strati più superficiali dell’epidermide, si manifesta con l’abbronzatura.

Pertanto,  qualunque sia il vostro fototipo (ovvero il corredo genetico e la capacità di produrre melanina), almeno un mese prima dell’esposizione al sole è altamente consigliato fare scorta di alimenti antiossidanti in particolare frutta e verdura a polpa e buccia rossagialla e arancione. In alternativa o in aggiunta assumere degli integratori specifici contenenti beta-carotene, luteinavitamina Cvitamina Ecollagenesali minerali ed estratti vegetali così da contrastare i processi di invecchiamento cellulare indotti dai radicali liberi e allo stesso tempo stimolare la produzione di melanina per una abbronzatura dorata.

-pubblicità-

Prima di esporsi al sole, è fondamentale esfoliare la pelle. L’esfoliazione rimuove le cellule morte dalla strato superficiale della pelle e le dona così un aspetto sano, fresco e tonico, oltre a purificarla. Meno cellule morte ci saranno, più duratura, veloce, uniforme ed efficace sarà la vostra abbronzatura. Di conseguenza è importante idratare la pelle con creme poco grasse perché impediscono la traspirazione trattenendo calore ai tessuti.

Per una abbronzatura perfetta bisogna esporsi gradualmente, iniziando con dieci minuti il primo giorno e aumentando progressivamente il tempo di esposizione nei giorni successivi. Evitare inoltre di esporsi nelle ore più calde del giorno, comprese dalle 11 alle 16, quando i raggi del sole sono particolarmente dannosi. È fondamentale proteggersi con adeguati prodotti, da scegliere in base al proprio fototipo, tenendo quindi conto delle caratteristiche della carnagione e dei capelli, oltre che dal tempo che la pelle non protetta impiega ad arrossarsi. A prescindere dal fototipo tutti dovrebbero fare uso di creme solari, prediligendo quelle con schermature più alte nei primi giorni e più leggere nei giorni successivi. Il fattore di protezione, infatti prolunga il tempo in cui si può stare al sole senza che la pelle subisca troppi danni. La protezione va applicata da 15 a 30 minuti prima di esporsi al sole e va riapplicata dopo mezz’ora dall’inizio dell’esposizione e in più dopo ogni bagno o doccia.

I raggi UV oltre ad essere responsabili dell’invecchiamento della pelle causano la formazione delle fastidiose macchie solari. È bene distinguere i raggi UV in UVB e UVA. I primi possono produrre, scottature ed eritemi, i secondi invece sono responsabili dell’invecchiamento precoce e provocano danni alla pelle dalla semplice comparsa delle macchie solari fino alla  possibile formazione di melanomi. Per questa ragione è bene proteggersi dagli effetti del sole non solo a mare o durante la stagione più calda, bensì tutti i giorni anche in città utilizzando una buona crema anti-età dotata di protezione solare. Questa crema, se applicata con costanza, favorisce un miglioramento immediato del colorito della pelle, concorre alla riduzione delle rughe e soprattutto previene la formazione delle macchie solari.

Oltre alla protezione solare non bisogna dimenticare di indossare un cappellino che protegga orecchie, occhi, fronte, naso e cuoio capelluto. Infatti la pelle del volto e del cuoio capelluto è molto delicata ed è più soggetta ad ustioni e scottature. Per evitare che la pelle si surriscaldi troppo e si secchi, è importante idratarla con spruzzi di acqua fredda e a fine giornata, dopo la doccia, applicare sempre un doposole idratante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.