Trofeo Sicilia Silver: saltando si impara

di Ikraam

0 1.992
Manuela Piccolo in sella ad Ocean Aengus Dun

Un tempo non molto lontano, la Sicilia era teatro di manifestazioni sportive internazionali di cui cavalli e cavalieri di salto ostacoli, provenienti da tutti i continenti, ne agognavano la partecipazione.

A Palermo, ormai per tradizione annuale, si svolgeva un concorso ippico di prestigio internazionale. Nel campo di salto ostacoli “La Favorita“ si riunivano cavalieri di grande fama. Personaggi del calibro dei fratelli  D’Inzeo, del brasiliano Nelson Pessoa e dell’amazzone americana Katie Monahan Prudent,  si contendevano la “Coppa degli Assi”.

La “Coppa degli Assi”, il “Sicily Jumping Tour” e la “Coppa del Mediterraneo” erano dei veri e propri riti culturali  per cui tutti, anche i meno esperti conoscitori del mondo equestre, erano disposti a lasciare le faccende del quotidiano per affollare le tribune della Favorita, a tifare il proprio campione, consumando il tradizionale panino con le panelle.

 La cancellazione di queste manifestazioni ha ormai provocato la stasi della stessa disciplina equestre la cui spinta propulsiva, è inutile negarlo, era generata dalla personalità dei grandi campioni. Questi ultimi, con l’eleganza del loro gesto atletico, hanno il potere di coinvolgere il grande pubblico, suscitando negli adepti lo spirito di emulazione.

– pubblicità –

Sebbene la scomparsa di queste manifestazioni abbia contribuito al crollo, nel contesto siciliano, della disciplina, non manca l’entusiasmo di chi, come la FISE – Federazione Italiana Sport Equestri- continua a dare luogo a delle competizioni sportive che possano permettere ai vincitori di partecipare a gare prestigiose, garantendo alla nostra terra di essere protagonista nello scenario equestre.

Questo è il sogno nel cassetto della giovane amazzone Manuela Piccolo, tesserata all’Horsing Club di Palermo e seguita dall’istruttore Luca Li Bassi. Un’ enfant prodige determinata e competitiva che a soli 12 anni è riuscita a raggiungere il suo obiettivo: partecipare ai Campionati del Mondo Pony Club insieme al suo pony Ocean Aengus Dun, che si terranno in Francia a Lamotte Beuvron dal 25 al 27 luglio prossimo. L’unica amazzone siciliana che ha ottenuto la qualifica in occasione del Pony Master Show di Arezzo e del Trofeo Pony Piazza di Siena, tenutosi presso l’elegante Villa Borghese di Roma.

Sono numerosi i giovani cavalieri e amazzoni che ogni anno si contendono la vittoria nei campi di salto ostacoli siciliani. Tra i trofei più discussi vi è il “Trofeo Sicilia Silver” poiché le classifiche finali garantiscono la partecipazione ad alcune manifestazioni nazionali come le Ponyadi o le finali nazionali del Trofeo Brevetti Esordienti e del Trofeo Brevetti Emergenti.

Nella classifica provvisoria della penultima tappa del Trofeo troviamo ai primi posti Beatrice Infantino, categoria L60, in sella al pony Kentuky, tesserata all’EOS e seguita dall’istruttore, nonché padre, Filippo Infantino. Filippo è anche l’istruttore di  Maria Vittoria Causa – prima nella classifica provvisoria della categoria L70, insieme al pony Monsieur Des Vents. A questi si aggiungono  Giulia Allegra – categoria LBP80-  in sella a Silver, tesserata all’ Horsing Club, con istruttore Luca Li bassi. Tra le altre allieve di Li Bassi troviamo al primo posto della categoria BP90 la figlia  Giorgia in sella a Rosetta e  Manuela Piccolo insieme alla sua pony (Une Histoire Du Bief) nella categoria BP110. Si aggiungono nella categoria BP100  Giulia Greco in sella a  Unity , tesserata al CIR, il cui istruttore è Massimo Riccio, istruttore anche di Sofia Vassallo  prima nella categoria CP115, in sella a Masha.

Tutti questi bambini sono delle piccole promesse dell’equitazione siciliana che, nonostante la tenera età, hanno ben chiaro cosa sia l’impegno, l’imprevedibilità di questo sport, il rispetto, l’amore e la cura del cavallo. Valori traducibili nella vita di ogni giorno.

Siamo speranzosi che la grinta e la perseveranza di questi giovani possa portare le nuove generazioni a fare un salto nel passato per riportare in vita tutte quelle competizioni sportive che hanno fatto brillare Palermo e la Sicilia

 

 

 

IKRAAM

Ikraam

Ikraam Caruso, nata a Caccamo il 7/05/2016 in una stalla con i suoi fratellini.

Laureata in etologia equina presso l’Università degli studi dei Bordercollie, successivamente  ha conseguito il Master di secondo livello in mascalcia presso l’Università Piddiana.

E’ assistente del maniscalco Alessandro Clemente, conosce quasi tutti i cavalli del territorio siciliano ed è capo ultras della tifoseria dei concorsi ippici.

La sua vera passione: i cavalli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.