A sciarra pa’ cutra – Di Livanti a Punenti

Atto Primo

0 952

La Sicilia è sempri stata una terra di granni biddizzi. Cuntisa di tutti li populi di lu munnu. Tutti li cunquistaturi, ca avianu guvirnato chista terra, avianu lassatu una miscilanza di culura, cultura, arti, tradizioni, lingua e cu chiossai nn’avi chiossai nni metti. Ci fù cu purtò sulu beni e cu purtò sulu guai, ma ad ogni modu lu suli brillava sempri di Livanti a Punenti e arricchiva sta terra di frutti di ogni generi.
Putroppamente, chiddu chi staiu pi cuntarivi fici scurari puru lu suli… ‘Ntà la zona di li muntagni, chidda ca sparti lu Regnu n’ntà lu menzu, cumanna la famigghia Supramunti. Antica e nobili famigghia ca porta rispettu pi lu populu, amata e rispettata di tutti. Pi iddi lu rispettu è misuratu e cu lu porta l’avi purtatu. U Baruni di Supramunti, maritatu ca Signura di San Cipirreddu, di piciutteddu finu a granni, avia statu sempri fucusu e lu so temperamentu c’avia regalatu na carrittata di figghi. Nun cuntentu, un bellu jornu, arricampò a lu casteddu un nutricu, figghio di nautra fimmina. A Signura di San Cipirreddu lu taliò sempri cu malu occhiu, ma essennu na fimmina divota a la paci e a la famigghia, l’accittò e lu fici crisciri insemmula all’autri picciriddi.

– pubblicità –

Filumena, la fimmina primogenita di casa Supramunti, na picciuttedda di biddizzi fora misura e qualità rarissimi, devota, raccamatrici e sempri giudiziusa, veni chiamata di lu patri ca ci cumunica ca fu prumisa sposa a lu figghiu di lu re di Costapunenti: lu rignanti. Ben prestu s’avissi fattu una festa pi comunicari, a lu populu tuttu, la bedda nutizia.

Idda, sintennu chisti paroli, brillava di cuntintizza picchì di nica e nica addisiava di putiri addivintari la rigina di lu regnu. Sta dicisioni nun lassava cuntenta tutta la famigghia, picchì lu giovani principe avia lu malu carattiri comu a so matri, la Regina Pitrunilla, nota pi essiri tinta e malazionaria. Accussì accuminciaru li priparativi pi stu zitamentu reale e di Livanti a Punenti s’avia a sapiri di stu matrimoniu ca puteva canciari la sorti di tuttu lu regnu…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.